CLICK DAY, OLTRE 700 LE DOMANDE INVIATE AL MINISTERO DAL PATRONATO ITAL UIL DI BERGAMO

 Sono state 700 le domande relative al cosiddetto decreto-flussi che, nelle tre giornate del “click day” relativo al cosiddetto decreto-flussi (il 31 gennaio, il 2 e il 3 febbraio), il patronato Ital Uil di Bergamo ha inviato utilizzando il nuovo sistema telematico introdotto dal ministero dell’Interno. Rispetto al totale, le pratiche di cui gli uffici si sono occupati hanno riguardato nel 90% dei casi le colf e le badanti e nel rimanente 10% la conversione in permessi di soggiorno per lavoro subordinato non stagionale dei permessi per studio, tirocinio, lavoro stagionale e altre tipologie. “Superati i disguidi registrati nella fase di avvio – sottolineano Aurora Pisaneschi, responsabile del patronato Ital Uil di Bergamo ed Emanuela Ferreri, responsabile dello Sportello immigrati della Uil – gli invii con il sistema telematico si sono svolti regolarmente. Le ricevute per gli interessati, oltretutto, sono già disponibili, con una evidente riduzione dei tempi di attesa. Anche per questo abbiamo registrato una forte soddisfazione tra gli utenti. Semmai le difficoltà maggiori le ha incontrate chi ha puntato sul “fai da te” in quanto, in certe fasce orarie, era precluso l’accesso al sito e diventava, quindi, impossibile scaricare il programma correlato”.
“Gli ingressi autorizzati dal decreto flussi – ricorda il segretario organizzativo della Uil di Bergamo, Amerigo Cortinovis - verranno distribuiti tra le province italiane (anche tenendo conto del fabbisogno espresso dagli enti locali, dai sindacati e dai datori di lavoro) entro la metà di febbraio. Solo allora, quindi, Bergamo saprà quanti posti le sono stati assegnati dei 100 mila disponibili a livello nazionale”.