AL VIA IL 15 MARZO LA CAMPAGNA FISCALE UIL. TARIFFE AGEVOLATE PER I LAVORATORI IN CASSA

Prende ufficialmente il via lunedì 15 marzo la campagna fiscale 2010 della Uil di Bergamo. Il Centro di assistenza fiscale, che ha sede in via San Bernardino 72/e a Bergamo, è pronto a ricevere la documentazione dei cittadini per la compilazione della dichiarazione dei redditi, dei bollettini Ici e, in generale, di tutti gli adempimenti collegati alle scadenze fiscali dei prossimi mesi. Quest’anno, però, il sindacato propone un’importante novità: per i lavoratori iscritti che si trovino in cassa integrazione ordinaria, straordinaria o in deroga, previa presentazione della busta paga e della tessera 2010 della Uil, è stata decisa, infatti, una tariffa agevolata per la compilazione della dichiarazione dei redditi pari a 10 euro. “In questo modo – sottolineano il segretario organizzativo della Uil di Bergamo, Amerigo Cortinovis, e la responsabile del servizio Caf Uil, Katia Ravasio – il sindacato vuole dimostrare concretamente la propria attenzione nei confronti di coloro che più duramente sono stati colpiti dalla grave crisi economica in atto. Per tale ragione è stato decisa un’agevolazione consistente, affinché gli adempimenti fiscali non si trasformino in un ulteriore motivo di disagio per famiglie già in difficoltà”.

Per quanto riguarda gli altri iscritti, l’assistenza per i modelli 730 e Unico costerà 15 euro (25 per il coniuge, 35 per il familiare convivente e 45 per quello non convivente) e 80 euro per i non iscritti. Per quanto riguarda, invece, i bollettini Ici, gli iscritti che faranno anche la dichiarazione dovranno versare per i moduli F24 3 euro (4 euro i coniugi) mentre gli altri dovranno pagarne 4. E’ di 8 euro, invece, la tariffa richiesta ai non iscritti. La dichiarazione Ici costerà invece, ai tesserati Uil, 10 euro, 20 agli altri.

La campagna fiscale 2010 della Uil parte sull’onda dei positivi risultati ottenuti lo scorso anno. Sono stati infatti 16.382 i modelli 730 elaborati nel 2009 dal Caf Uil di Bergamo con un incremento, rispetto all’anno precedente, del 2,2% e un’incidenza sul dato regionale del sindacato (102.332) del 16%. In crescita anche i modelli Unico, che hanno toccato quota 506 con un balzo in avanti, in confronto al 2008, del 25,6%. A disposizione dei cittadini, sul territorio, oltre alla sede di Bergamo ci sono le sedi zonali di Clusone, Costa Volpino, Dalmine, Gazzaniga, Ponte San Pietro, Treviglio e Villongo oltre a 29 recapiti sparsi su tutto il territorio provinciale: indirizzi e numeri di telefono sono disponibili sul sito Internet www.uilbergamo.it mentre per informazioni è possibile telefonare direttamente al Caf di Bergamo allo 035/240845. Per le sedi di Bergamo e Ponte San Pietro (via D. Lombardi, 21) è possibile anche fissare un appuntamento contattando sempre lo 035/240845.